Condannato a duemila frustate perché ateo

Continuano a segnalarci una notizia di qualche mese fa, purtroppo non è una bufala ma una notizia vera. Abbiamo quindi deciso di spiegare qui cos’è successo e perché.

Arabia Saudita, si proclamò ateo su Twitter: condannato a duemila frustate

cattura

mukfellas

Il simbolo della Commissione per la propagazione della Virtù e la prevenzione del Vizio

Un uomo di ventotto anni, utente di Twitter, ha scritto centinaia di tweet che criticavano la politica religiosa del suo paese, l’Arabia Saudita. I tweet sono stati giudicati offensivi per il Corano e la Commissione per la propagazione della Virtù e la prevenzione del Vizio, altrimenti nota come Polizia Religiosa, ha emesso una sentenza di condanna per l’uomo.

Purtroppo la notizia è vera, usando un generosissimo eufemismo nel Paese in cui soggiornò il profeta Maometto la situazione della libertà di espressione non è tra le migliori. Nel 2014 fu emessa una legge secondo la quale chiunque si renda promotore di un atteggiamento critico verso la religione è considerato alla stregua di un terrorista, queste sono le linee-guida per definire un “terrorista”:

Articolo 1: “Chiunque faccia appello al pensiero ateista in qualsiasi forma, o dubiti dei fondamenti della religione islamica su cui si basa questo paese”.

Articolo 2: “Chiunque ripudi la propria lealtà ai legislatori del paese o che si leghi a qualsiasi partito, organizzazione, corrente (di pensiero), gruppo o individuo all’interno o all’esterno del Regno”.

Articolo 4: “Chiunque aiuti un’organizzazione, gruppo, corrente (di pensiero), associazione o partito, o dimostri di esservi affiliato, o di essere un simpatizzante, o promotore, o partecipante a un incontro, sia all’interno che all’esterno del Regno; questo include qualsiasi espressione: una registrazione audio, una scrittura o un’attività su un social network (in ogni forma) o su un sito internet; facendo circolare dei contenuti legati a queste entità, usando slogan o simboli che li supportino o dimostrino la simpatia per queste entità”.

Aricolo 6: “Chiunque contatti o corrisponda con qualsiasi gruppo, corrente (di pensiero) o individuo ostile al Regno”.

Articolo 8: “Chiunque cerchi di danneggiare il tessuto sociale o la coesione nazionale, istituendo, partecipando, promuovendo o incitando a sit-in, proteste, incontri o comunicati in ogni forma, o chiunque minacci l’unità e la stabilità del Regno in ogni forma”.

Articolo 9: “Chiunque partecipi a conferenze, seminari, o incontri all’interno o all’esterno del Regno, mirando alla sicurezza della società o creando discordia nella società”.

Articolo 10: “Chiunque inciti dei Paesi, comitati o organizzazioni internazionali a diventare antagonisti al Regno”.

Non è la prima volta che la polizia religiosa si rende colpevole di un vero e proprio attentato alla libertà di espressione in rete contro l’ateismo, un altro celebre caso fu quello di Raif Badawi, blogger saudita che si “macchiò” di queste colpe, venendo condannato a una pena simile.

cattura

Federico M.

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

0 Comments

Leave a reply

Contattataci

Avete un argomento di cui vorreste parlassimo? Volete farci sapere cosa ne pensate del Magazine?

Sending

2018 BUTACmag un magazine dedicato alla divulgazione della corretta informazione scientifica e non.

Disclaimer: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno rimossi.
or

Log in with your credentials

Forgot your details?