Star Wars e le sue edizioni non proprio speciali

Cosa ha spinto un’intera generazione a crescere con i film di Star Wars? Forse il fatto che è un universo che non può non far sognare, grazie ai duelli con spade laser, ai suoi innumerevoli mondi, a personaggi che indossano tute dal design irresistibile e al fatto di essere una sorta di space opera, in cui i protagonisti scoprono man mano le loro identità e di avere legami familiari che non avrebbero mai pensato di avere (“Luke, io sono tuo padre!”). Erano anche gli anni d’oro della fantascienza.

Logo-Star-Wars

E così, ricordandoti di aver passato la tua infanzia a guardare questi film, ti viene in mente di riguardarteli, ma ti scoccia rispolverare il tuo vecchio videoregistratore e le videocassette, che in ogni caso non hanno una gran qualità video e, per di più, hanno cominciato a deteriorarsi. Quindi, pensi che il modo migliore per rivederli dopo tutto questo tempo sia di andare in un negozio, spendere una bella cifra per comprare i Blu-Ray, inserirli nella tua PlayStation 3 e prepararti a un glorioso tuffo nel passato. Un momento però, qualcosa non torna…

In alcune scene, ti rendi conto che i film non sono esattamente come te li ricordavi. Come mai? La tua memoria con l’età ha cominciato a non funzionare più tanto bene o i film sono davvero cambiati? Effettivamente, in certe scene è chiaro che è stata usata della computer grafica che sprizza anni Novanta da tutti i pori (in altre parole, invecchiata piuttosto male), e allora ti metti a fare qualche ricerca in rete.

Ed infine scopri la verità: nel 1997 George Lucas, per il ventesimo anniversario del primo film, Una nuova speranza, decise di modificare pesantemente i film della trilogia originale creandone una cosiddetta “Edizione speciale”. Non solo, ma i film hanno subito ulteriori modifiche quando sono stati pubblicati in DVD nel 2004 e di nuovo in Blu-Ray nel 2011. “Maledetto Lucas, hai distrutto un’infanzia!” pensi. E non sei il solo a maledirlo, perché da quando ha realizzato queste edizioni che non tutti considerano speciali dei film, nonché la tanto odiata trilogia prequel (ma questo è un altro discorso), Lucas non è mai stato molto apprezzato dagli amanti della saga originale di Star Wars. Paradossale il fatto che i fan di qualcosa disprezzino chi l’ha creata. No?

Sw_dvd's

Tra le modifiche più detestate abbiamo l’aggiunta della scena che ha dato origine al motto “Han Shot First!” in Una nuova speranza, cioè quando Han Solo uccide Greedo: non lo fa più di sua iniziativa, bensì dopo aver schivato un altro colpo da Greedo. Poi il cambio di volto al fantasma di Anakin Skywalker nel finale di Il ritorno dello Jedi (il suo nuovo volto è lo stesso dell’attore che lo ha interpretato nei prequel, Hayden Christensen, e sostituisce quello del povero Sebastian Shaw); sempre in Il ritorno dello Jedi, quando Darth Vader sta per uccidere Darth Sidious che a sua volta sta fulminando Luke, Darth Vader ora urla: “NOOO!”; la scena di Jabba the Hutt, ancora in Una nuova speranza, con quel suo inguardabile modello in computer grafica; e poi basta perché altrimenti non finisco più.

Io non ho nulla contro le “edizioni rinnovate” dei film. Se un regista vuole mostrare al pubblico quello che voleva che fosse il suo film sin da subito, ma che non ha potuto realizzare a causa della mancanza di tecnologia dei tempi, faccia pure. Il problema è un altro: che le edizioni originali di Star Wars non sono più disponibili in commercio da quando esistono quelle speciali. O meglio: nel 2006 Lucas ha pubblicato dei DVD contenenti le versioni originali, ma è inutile che me le vai a pubblicare se poi non ti prendi la briga di rimasterizzarle e quindi fai solo finta di dare ai tuoi fan ciò che vogliono: i master di questi DVD sono gli stessi che furono pubblicati in VHS e Laserdisc prima delle edizioni speciali e, dunque, la loro qualità video è oscena anche per gli standard del 2006. Non sono nemmeno in widescreen anamorfico: cioè, se visualizzati su un modernissimo televisore widescreen, questi risultano tutti circondati da barre nere, perché la loro risoluzione nativa è di 4:3, e il film in widescreen è stato letterboxato nei 4:3, lasciando delle inutili barre nere sopra e sotto il video. Questo perché quando questi master furono pubblicati per la prima volta quasi nessuno aveva un televisore widescreen. Come se non bastasse, i titoli di testa delle versioni internazionali sono stati lasciati in inglese. Ovviamente non sono solo questi i motivi per cui non c’è da rimanere soddisfatti da questa release, ma non voglio andare troppo sul tecnico. Questi DVD sono chiamati GOUT (George’s Original, Unaltered, Theatrical version) dai fan e non sono più in produzione da quando sono usciti i Blu-Ray.

2015-08-09-1439147664-7501474-lucas3

E quindi come mai le versioni originali dei film non sono mai state edite in maniera decente? Lucas ha sempre affermato che i film erano suoi, ed era suo diritto farne quello che ne voleva. No, Lucas, i film non sono solo tuoi, sono anche di chi li guarda. Ed è diritto di chi guarda un film guardare una cosa che gli piace, mentre il diritto di un regista è soddisfare questo desiderio in chi guarda ciò che ha pagato per guardare.

Nel 1988, un periodo in cui si cominciavano a colorare i film in bianco e nero, pare che Lucas non la pensasse molto diversamente da me:

People who alter or destroy works of art and our cultural heritage for profit or as an exercise of power are barbarians.

In the future it will become even easier for old negatives to become lost and be “replaced” by new altered negatives. This would be a great loss to our society. Our cultural history must not be allowed to be rewritten.

Dopo aver rilasciato le edizioni speciali, invece, disse una cosa molto diversa:

There will only be one [version of the films]. And it won’t be what I would call the “rough cut”, it’ll be the “final cut”. The other one will be some sort of interesting artifact that people will look at and say, “There was an earlier draft of this.”

Direi che si sia proprio contraddetto. Come mai questo cambio di idea? L’insoddisfazione per come erano venuti i primi tre film ha infine avuto la meglio su di lui? Certo, nessun artista è mai pienamente soddisfatto delle proprie opere. Ma un artista non fa questo lavoro solo per creare qualcosa che piaccia a lui. Un’opera d’arte è fatta per essere giudicata da tutti. E se piace solo a te è inutile vantarsene. Questo si chiama predicare bene per i film altrui e razzolare male per i propri.

La domanda che noi fan di Star Wars ci poniamo sin dal 1997 è la seguente: usciranno mai, un giorno, le edizioni originali dei film in versione rimasterizzata? Qualcuno è fermamente convinto che un giorno Lucas ci darà quello che desideriamo da ormai quasi vent’anni. Qualcun altro invece non ci spera più, ed è comprensibile. Per ora, abbiamo un’alternativa da non sottovalutare, anche se tutt’altro che ufficiale: un certo Harmy, cecoslovacco, ha creato e distribuito gratuitamente su Internet delle ottime ricostruzioni delle versioni originali chiamate Despecialized Edition, utilizzando i Blu-Ray per le scene sopravvissute alle varie modifiche e utilizzando scansioni di pellicole proiettate nei cinema a suo tempo insieme al cosiddetto GOUT per le scene che invece non sono più come ce le ricordavamo. Il risultato è fenomenale, vi consiglio di darci un’occhiata, tuttavia lo stesso Harmy è convinto che un giorno le versioni originali usciranno come dovrebbero uscire in Blu-Ray e che, dunque, le sue ricostruzioni siano solo un lavoro temporaneo. E poi, i Blu-Ray di Blade Runner e di Ghost in the Shell ci hanno già dimostrato che avere in un solo cofanetto tutte le edizioni del film mai realizzate è possibile.

01 v2.5

Speriamo davvero, e che la Forza sia con noi. Nel frattempo, non possiamo dirci delusi dall’ultimo film, Il risveglio della Forza, e ci aspettiamo di gradire anche gli altri due film della trilogia sequel, che saranno pubblicati tra qualche anno.

Antonio Pompò

P.S.: George Lucas ha fatto la stessa operazione anche su altri suoi film. In particolare, per THX 1138 (noto in Italia come L’uomo che fuggì dal futuro) la situazione è ancora più critica, dato che per questo film non esiste un DVD della versione originale e il master usato anche per la versione Laserdisc è pessimo, forse ancora peggiore del GOUT.

1 Comment
  1. Fabrizio Spinelli 2 anni ago

    Oddio… in effetti credo che ormai Lucas non decida più nulla… la “nuova speranza” è che Disney intuisca che ci sono da fare bei soldini coi nostalgici come noi e che ci accontenti per avidità 🙂

Leave a reply

Contattataci

Avete un argomento di cui vorreste parlassimo? Volete farci sapere cosa ne pensate del Magazine?

Sending

2017 BUTACmag un magazine dedicato alla divulgazione della corretta informazione scientifica e non.

Disclaimer: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno rimossi.
or

Log in with your credentials

Forgot your details?